• images/stories/Slide/0.jpg
  • images/stories/Slide/21.jpg
  • images/stories/Slide/24.jpg
  • images/stories/Slide/8.jpg
  • images/stories/Slide/a.jpg
  • images/stories/Slide/b.jpg
  • images/stories/Slide/c.jpg
  • images/stories/Slide/d.jpg
  • images/stories/Slide/e.jpg
  • images/stories/Slide/f.jpg
  • images/stories/Slide/g.jpg

Share on Facebook

Ed eccoci ad annunciarvi l’ennesimo primato del vostro gruppo preferito. Quale altro gruppo può dire di aver suonato a Buti e Chatillon la Plage nel giro di 24 ore? Se qualcun altro può vantare siffatta impresa si faccia pure avanti. Partiamo dal concerto toscano. Inanzitutto, per chi non è mai stato a Buti, consigliamo vivamente una gita fuoriporta per ammirare le bellezze del paesino pisano, arroccato su una collina a soli 60?  70?... facciamo meno di cento, km da Firenze. Per chi proviene da… vabbè google ce l’avete tutti, ve lo trovate, siamo un gruppo rock non un tour operator.  

Ultimo aggiornamento (Mercoledì 19 Giugno 2013 15:09)

Leggi tutto...

 

Share on Facebook

Eccoci di ritorno dall’ennesima data transalpina. Lasciata l’Italia sotto un nubifragio e con la temperatura tipica di una giornata novembrina, la Francia ci ha accolto con sole e clima mite. Segno  evidente che oltre alle mezze stagioni non esistono più neppure le latitudini geografiche.  Così dopo un ameno viaggetto di 11 ore eccoci pronti e freschi come rose per il sound check. Come al solito attrezzatura e tecnici di prim’ordine, considerando anche che si trattava di una struttura pubblica,  ci hanno ricordato ancora il gap che esiste tra noi e i nostri ben organizzati “cugini francesi”.

Ultimo aggiornamento (Sabato 25 Maggio 2013 18:52)

Leggi tutto...

 

Share on Facebook

 

Fa piacere tornare, dopo qualche anno, in un locale che, mentre gli altri chiudono o si “riconvertono” ad altri scopi, investe ancora nella musica dal vivo e lo fa alla grande. Fa piacere ritrovare vecchi amici di zona che non perdono occasione per venirci a supportare ogni qualvolta se ne presenta l’occasione. Fa un po’ meno piacere veder ruzzolare giù da un palco alto due metri una cassa spia di diversi chili. Che ci volete fare, l’energia dei Killer Queen  smuove anche l’oggetto più inanimato. Fortunatamente nessuno si è fatto male, spia compresa. Tornando al concerto, il Fuori Orario rimane uno dei migliori locali italiani in cui oggi una band si possa esprimere e i Killer hanno risposto da pari loro.  Ai brani storici e alle hit del passato abbiamo alternato altri successi più recenti, come  “Let me live” o l’immancabile suite di “Innuendo” che riscuote sempre un grande successo. Il finale è stato il solito grande crescendo culminato nel tentativo di suicidio della spia, ma, come in ogni fiaba a lieto fine, tutto si è risolto per il meglio.  Ringraziamo quindi il Fuori Orario per la serata densa di emozioni e ci auguriamo di potervi tornare al più presto. 

Foto: Alice Lorenzini

Ultimo aggiornamento (Martedì 07 Maggio 2013 09:00)

 
Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)French (Fr)
PROSSIME DATE
FACEBOOK

KILLER QUEEN OFFICIAL YOU TUBE CHANNEL